Rural Festival 2015

Rural Festival 2015

18 1262

Per un bambino nato e cresciuto in città, il contatto con la natura è sempre un’esperienza emozionante. Durante l’anno sono talmente pochi i momenti in cui riescono a viverla davvero, che alla domanda “di che colore è la mucca?” non c’è da stupirsi se alcuni di loro rispondono “è viola!” (sì, credetemi, è successo davvero!)

L’educazione – per quel che mi riguarda – inizia proprio da loro e significa anche insegnare e mostrare loro cose semplici, che troppo spesso diamo per scontate, che abbiamo dimenticato, soprattutto nella vita che conduciamo oggi. Ad esempio da dove arriva il cibo che trovano sulla tavola ? (no amore, non cresce sullo scaffale del supermercato…) e che ci sono differenze che vanno apprezzate, valori che vanno preservati e persone che lavorano duramente e con passione per tutto questo.

Un paio di settimane fa quindi abbiamo preparato le valigie e ci siamo messi in macchina. Direzione: Rural Festival, un evento ed un ‘esperienza che consiglio a tutti, figli o meno.

Di cosa si tratta?

048

Il Rural Festival si svolge da qualche anno (più o meno il primo fine settimana di settembre) nel bellissimo panorama del Parco Barboj a Lesignano de Bagni, in provincia di Parma.

E’ una manifestazione aperta a tutti, totalmente gratuita, in cui scoprire ed assaggiare prodotti artigianali locali, alla scoperta del patrimonio rurale della zona.

002

L’idea nasce dall’impegno da parte di agricoltori e allevatori della zona di far assaggiare e soprattutto conoscere i propri prodotti (pensate che quasi tutte le aziende ed i poderi coinvolti sono aperti e visitabili gran parte dell’anno e non solo in occasione di questa manifestazione).

Sono circa una ventina le aziende – disseminate tra le province di Parma e Reggio Emilia – che per queste due giornate allestiscono stand gastronomici offrendo assaggi di prodotti provenienti da antiche razze animali e varietà ortofrutticole, abbandonate da decenni e quasi estinte che, con impegno e passione, sono state recuperate e protette.

Biodiversità, quindi, tutta da gustare ed ammirare per due giornate che sono diventate per noi una vera e propria esperienza.

009

020

Appena arrivati – il parco è fra Langhirano e Traversetolo, immerso nelle colline parmensi – siamo subito rimasti colpiti dall’organizzazione puntuale e curata fin nei dettagli.

Piccole golf car offrono passaggi dal parcheggio all’ingresso, trasportando le persone più anziane o chi ha difficoltà a camminare, in tantissimi tra volontari ed organizzazione, tutti vestiti in maglia gialla offrono indicazioni ed informazioni sulla manifestazione, cartelloni stampati guidano il visitatore alla conoscenza di alberi, animali e prodotti locali ed è possibile godersi momenti di relax riposando su balle di fieno disposte come panchine tra frutti e filari di viti antiche.

071

Gli stand gastronomici sono  posizionati nello spazio di una grande stalla ed offrono a tutti i presenti assaggi non stop per due giorni. Insieme ai bambini abbiamo quindi degustato salumi di maiale nero, pane di grano del Miracolo, pappa al pomodoro Riccio di Parma, maltagliati all’uovo di gallina Romagnola, tortel dols, arrosto di tacchino di Parma e Piacenza, formaggi biologici (tra cui il Pionere.. il mio preferito fra tutti, fatto esclusivamente con latte intero biologico) , focaccia di frumento Gentilrosso, cipolla Borettana, succo fresco di uva malvasia odorosissima, torta di di prugna Zucchella e molto altro ancora.

(By the way.. Fra, questa sì che si può chiamare “pappa al pomodoro”…:-))

050

014

Bellissimo mangiare seduti con il sole che ti scalda il viso, i bambini che corrono sereni e liberi sui prati e che incuriositi da tutto quello che li circonda ti fanno mille domande, avidi di informazioni e rianimati dalla curiosità per quello che hanno appena scoperto: “mamma, ma quindi anche l’asino fa il latte? guarda è bianco come quello della mucca!”… “mamma, ma quanti pomodori diversi esitono?!?! ce ne sono tantissimi!!!”…

003

Ma il Festival è anche mestieri e tradizioni: qui il Signor Corradi mostra ai bimbi come da quattro generazioni lui e suo figlio battono il ferro e si può salire su trattori veri.. e questi sono speciali, perchè i Landini in mostra sono modelli d’epoca (prodotti tra gli anni Trenta e Cinquanta) che rombano quando vengono accesi e che sono il trofeo da scalare di ogni bimbo.

041

Nel pomeriggio abbiamo vissuto un’esperienza davvero speciale: a bordo di un elicottero abbiamo ammirato  questa zona dall’alto. Un paesaggio che toglie il fiato, al centro di una cornice protetta, tra vulcanelli di fango, increspature, calanchi, siepi, boschi di querce e tanto verde a perdita d’occhio. Un territorio, che comprende quello di Rivalta, che ha recentemente ottenuto anche la certificazione a riserva Mab Unesco. Meraviglioso… i bambini sono rimasti a bocca aperta per tutto il tempo (nei prossimi giorni pubblicherò il video di questa esperienza che più che raccontata va vissuta e in cui le immagini trasmettono sicuramente di più delle mie parole)

047

Dopo il giro in elicottero abbiamo visitato il parco animali che ospita razze antiche come il maiale nero, la pecora Cornigliese, il cavallo Bardigiano, la gallina Romagnola, la vacca grigia Appeninica e l’ asino Romagnolo. E anche qui ne cito solo alcuni 😉 Per ogni animale un cartello mostra il viso dell’allevatore e un minimo di storia sulle origini e l’utilizzo dell’animale.

045

Abbiamo visitato il podere in cui vengono allevati i maiali neri ed imparato la differenza tra allevamento da batteria e allevamento all’aria aperta, dove gli animali sono liberi di grufolare in ampi spazi, rispettando il loro istinto e nutriti unicamente con erba, mais, orzo, frumento, favino, bacche e ghiande.

Certo richiede più spazio, più tempo, più impegno, ma è bello scoprire che c’è ancora chi predilige la qualità alla quantità, la naturalezza ad antibiotici ed OGM, che rispetta i metodi della casa e le tradizioni senza scendere mai a compromessi.

074

Ma se non volete aspettare la prossima edizione e volete vivere una vera e propria esperienza, da ottobre dovrebbero essere inaugurate le “capanne” ; chi vorrà entrare in contatto con la vita rurale, potrà soggiornare in una di queste piccole ma accoglienti strutture in legno, svegliarsi al mattino e andare a raccogliere ad esempio le uova ed il latte fresco per la propria colazione, o fare un giro sul dorso di un asinello fra le mulattiere ancora in uso fermandosi fra i campi a fare merenda, oppure aiutare nella raccolta dell’uva durante la vendemmia.

052

Una festa di fine estate, quella del Rural Festival, ma non solo. Una vera e propria opportunità per scoprire e riscoprire modi e sapori antichi da molto tempo scomparsi dalle nostre abitudini e varietà alimentari che rischiano di andare perdute.

Prima di chiudere il racconto (lunghissimo lo so, ma abbiamo vissuto talmente tante cose belle che ho voluto farle rivivere un po’ anche a voi) ci tengo a ringraziare e salutare anche Valentina Cipelli del Podere Cristina e Ivano ed Enrichetta che gestiscono la parte di B&B del Podere in cui abbiamo dormito.

058

060

Da Enrichetta ho imparato persino a fare le rose di carta per decorare la tavola e i bambini parlano ancora della buonissima torta di mele e dei biscotti che Ivano ha sfornato per noi a colazione. Un posto meraviglioso e persone splendide che vi consiglio di andare a visitare per una bella gita fuoriporta! Noi sicuramente torneremo presto 😉

064

065

Trovate tutte le informazioni sul Festival e sulle aziende (che vi ricordo potete contattare per organizzare delle visite) a questo indirizzo: Rural Festival

Qui sotto trovate tutte le foto del nostro meraviglioso week-end al Rural Festival

18 COMMENTS

  1. Bellissimo il racconto, ma ho visto anche il video ed è forse ancora più bello. Sei stata bravissima a portarci con te e se avrò occasione il prossimo anno parteciperò perché mi sembra un’iniziativa davvero bella! ciao carissima

  2. ile bellissimo suggerimento. per me che ho dei bambini cresciuti in città è un’occasione da non mancare. ahahhaah i miei non avrebbero risposto mucca viola ma quando hanno visto le foto mi hanno detto “ma le mucche vere hanno le macchie bianche e nere”… devo correre ai ripari 😉

  3. mentre leggevo ho cercato di assaporare la libertà e i profumi di questa terra… essendo anch’io “di città” e così come me i miei bimbi, devo riconoscere che questa è un’esperienza da provare… Mi piacerebbe un sacco sperimentare le nuove capanne! 🙂 Credo che ci faremo davvero un pensierino.. Grazie per essere stata così dettagliata 🙂

  4. immagino le esperienze seguiranno le stagioni visto che si parla anche di vendemmia il che potrebbe rendere tutto ancora più bello 🙂 la zona di parma è già splendida di suo, ma con queste cose sono certa che si potrebbe conoscere ancora meglio e con un altro punto di vista. un’idea davvero carina ed interessante

  5. Meno male che esistono ancora dei posti cosi e delle persone che vogliono far conoscere i loro prodotti in nome della genuinità e delle cose di una volta.
    Ho figli grandi ma mi piacerebbe visitare questi posti con mio marito per passare qualche giorno in posti cosi rilassanti e perchè no.. gustare le prelibatezze delle nostre campagne!
    Grazie per lo spunto !

  6. Meno male che esistono ancora dei posti cosi e delle persone che vogliono far conoscere i loro prodotti in nome della genuinità e delle cose di una volta.
    Ho figli grandi ma mi piacerebbe visitare questi posti con mio marito per passare qualche giorno in posti cosi rilassanti e perchè no.. gustare le prelibatezze delle nostre campagne!
    Grazie Ilenia per lo spunto !

  7. che foto meravigliose! sembra essere stata un’esperienza che vi ha entusiasmato e dal racconto hai fatto venire voglia anche a me di viverla. buona settimana cara Ilenia

  8. E tantissimo tempo che vorrei visitare un caseificio e altre aziende alimentari. Grande idea! Grazie Ylenia

  9. Foto meravigliose e racconto che fa venire voglia di una gita così. da tenere presente: metto tra i preferiti e guardo il sito ;-P

  10. Mi piacerebbe un sacco poter fare la vendemmia. E’ un sogno che ho fin da piccola!!!! Sul sito ho visto dei numeri di telefono…. ma come funziona? Si chiamano quelli per prenotare o avere informazioni anche per le attività? Grazie Paola

  11. Dove si possono prenotare queste capanne? Mi piacerebbe un sacco fare un fine settimana con la mia famiglia li e provare le esperienze che ci hai descritto. Grazie per i tuoi consigli sempre preziosi ed originali

  12. Non ho figli ma come dici tu è un’esperienza da vivere x riscoprire qualcosa che purtroppo per noi che viviamo in città è un ricordo lontano. L’idea della capanna poi mi sembra vincente x chi vuole soggiornare e provare un’esperienza alternativa al solito turismo. Grande Ile,sempre ricca di idee!

  13. Mi interessa moltissimo poter passare un paio di giorni vivendo un’esperienza simile, anche io per i bambini e perché ormai non c’è quasi più nessuno che apre le porte per le visite. Vado subito a vedere il sito per più informazioni e grazie a te come sempre

  14. Non commento praticamente mai pur seguendoti ormai da un anno e mezzo (sarà che essendo un uomo mi sento un po’ una mosca bianca ma confesso che mi piace lo stile con cui ti proponi come donna). Bello l’evento che non conoscevo e ammirevole nell’intento. Le casette mi attirano molto: un’idea originale e ben pensata. I costi come sono? Dove si trovano info?

  15. che pace che si respira da questo articolo. Io non sono lontanissima per cui credo che per noi sia davvero una bella idea. grazie come sempre cara!

  16. Che bel racconto Ilenia! Ma quindi se non ho capito male puoi andare a dormire in quelle casette? sai quanto costano? sarebbe bellissimo fare un’esperienza del genere: particolare ed unica penso.

Leave a Reply

13 + 19 =